Porto Vecchio Trieste: E&Y, sviluppo in tre fasi fino 2029

Presentazione dello studio strategico

(ANSA) - TRIESTE, 30 MAG - Un'area di 62 ettari da dividere in cinque aree e da sviluppare in tre fasi, a partire dal 2018 al 2029. È la linea guida per il recupero e il riuso del Porto Vecchio di Trieste presentata oggi da Ernst & Young alla centrale idrodinamica del capoluogo del Friuli Venezia Giulia.
    Il partner di E&Y Antonio Bassanino e il senior manager Pietro Sepe hanno illustrato alla città le linee guida del piano strategico, nato da una ricerca avviata nel marzo 2016.
    Lo studio propone di dividere l'area in cinque ambiti: quello 'leisure e intrattenimento' è il più esteso e per E&Y è fondamentale per la "rigenerazione dell'intera area". Il secondo è l'ambito nautico, più focalizzato e improntato al potenziamento del traffico passeggeri. C'è poi un'area multi servizi, volta ad essere fruibile h24. Il quarto ambito è 'ricerca e formazione', volto a valorizzare il carattere di Trieste come città scientifica. L'ultimo ambito, infine, è a carattere congressuale. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa