Via della seta: Serracchiani, ripagato sforzo su infrastrutture

Impegno cinese non a caso, ma dopo azioni internazionali Regione

(ANSA) - TRIESTE, 16 MAG - Per la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, l'impegno assunto dalla Cina, di inserire i porti italiani, in particolare Genova e Trieste, tra quelli sui quali investire come terminali della via della Seta "non viene a caso, ma si fonda su una serie di azioni in campo internazionale che la Regione ha intrapreso per essere parte del progetto della Via della seta".
    "Oltre a ciò - dice Serracchiani - viene ripagato lo sforzo compiuto in questi anni sulle infrastrutture e sul Porto di Trieste che ha saputo risollevarsi e assumere una posizione di leadership in Italia e non solo".
    Il presidente della Cina, Xi Jingpin - come riferito dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni - ha espresso la volontà della Cina di investire in particolare sul "potenziamento dei porti di Trieste e Genova, collegati ai corridoi ferroviari e stradali con il cuore dell'Europa".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Berlingerio - Ad Maiores

Così "Ad Maiores" rivoluziona il mondo delle case di riposo a Trieste

Claudio Berlingerio e Tiziana Kert, titolari di una moderna Residenza per anziani ci raccontano le ultime frontiere normative.


Idrotermozeta

Tecnologia e risparmio energetico: segni distintivi degli impianti Idrotermozeta

L'azienda di Trieste, leader nella progettazione di impianti di riscaldamento e condizionamento, si racconta nelle parole di Paolo Zacchigna e Federico Cok: «Il nostro sguardo è proiettato al futuro»


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa