Migranti: Serracchiani, condannare violenza senza graduatorie

"Ho sentito dovere di dire cosa di buon senso anche se scomoda"

(ANSA) - TRIESTE, 12 MAG - "I razzisti vogliono respingere i richiedenti asilo, io voglio accogliere chi scappa dalla guerra.
    I razzisti pensano che una violenza fatta da uno straniero sia peggiore di quella fatta da un italiano, per me la violenza è sempre e comunque da condannare, senza colore e senza graduatorie. Se occorre lo ripeto". Lo scrive la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, sul proprio profilo Facebook, ribadendo un concetto che aveva già espresso ieri sera in un tweet.
    "Al di là del caso specifico - aggiunge Serracchiani - in cui le responsabilità saranno accertate dalle autorità, io ho sentito il dovere di dire una cosa che credo di buon senso, anche se scomoda. E credo di aver detto una cosa evidente alla stragrande maggioranza dei nostri concittadini. Non rendersene conto significa fare il gioco di quelli che razzisti lo sono veramente".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Berlingerio - Ad Maiores

Così "Ad Maiores" rivoluziona il mondo delle case di riposo a Trieste

Claudio Berlingerio e Tiziana Kert, titolari di una moderna Residenza per anziani ci raccontano le ultime frontiere normative.


Idrotermozeta

Tecnologia e risparmio energetico: segni distintivi degli impianti Idrotermozeta

L'azienda di Trieste, leader nella progettazione di impianti di riscaldamento e condizionamento, si racconta nelle parole di Paolo Zacchigna e Federico Cok: «Il nostro sguardo è proiettato al futuro»


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa