Uccise figlio durante lite con moglie, confermato ergastolo

Fatto successe a Remanzacco nel 2013

(ANSA) - UDINE, 29 FEB - La Corte d'Assise d'appello di Trieste ha confermato la sentenza di condanna all'ergastolo pronunciata poco più di un anno fa dal gup del tribunale di Udine nei confronti di Andrei Talpis, il muratore di origini moldave, 50 anni, accusato di omicidio volontario del figlio Ion, 19 anni, e del tentato uxoricidio, aggravato anche da un contesto di maltrattamenti ai danni della moglie Elisaveta.
    La tragedia si era consumata nella notte del 26 novembre 2013 nell'appartamento in cui la famiglia abitava a Remanzacco. Erano le 4.30 del mattino quando l'uomo era rientrato a casa ubriaco e aveva avuto un alterco con la moglie. Il figlio era intervenuto in difesa della madre e aveva cercato di disarmare il padre, che aveva in pungo un lungo coltello da cucina, ma era rimasto colpito mortalmente.
    La conferma della condanna era stata chiesta dalla Procura generale, mentre la difesa aveva chiesto l'applicazione delle attenuanti per ridurre la pena.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Sergio Prevarin - Vineria Fabbri

Riapre la Vineria Fabbri

A due mesi e mezzo dall’incendio provocato da un corto circuito, il titolare Sergio Prevarin spalanca le porte del suo locale a Lignano Sabbiadoro


Gennaro Cortegiano - Abile Pronto Casa

Vent’anni di Abile Pronto Casa

Idraulico, vetraio, fabbro, tapparellista, artigiano edile esperto in ristrutturazioni: fu Gennaro Cortigiano a portare a Trieste nel 1997 il servizio di Pronto intervento 24 ore affrontando ogni tipo di emergenza


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa