Regeni: inquirenti Roma, ucciso da professionisti tortura

'Parla' il pc del ricercatore, nessun legame con servizi segreti

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Nessun rapporto con i servizi segreti italiani né di altri Paesi. Il computer di Giulio Regeni 'parla' e comincia ad offrire tasselli importati agli inquirenti che da oltre un mese stanno provando a dare un'identità a chi lo ha ucciso: veri e propri professionisti della tortura, secondo chi indaga in Italia. Dall'esame del portatile del ricercatore dell'università di Cambridge, che nelle scorse settimane i genitori hanno consegnato ai magistrati della Procura di Roma che sulla morte del giovane friulano ha avviato una indagine per omicidio, non emergono legami con servizi segreti.
    A chi indaga non risulta che Regeni fosse stato schedato dalle autorità egiziane, anche se l'episodio di una foto scattata da uno sconosciuto durante l'assemblea di un sindacato indipendente aveva turbato il ricercatore universitario. Altra certezza per gli inquirenti è che il delitto è maturato nel quadro delle attività di ricerca ed eseguito da professionisti della tortura e delle sevizie.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Sergio Prevarin - Vineria Fabbri

Riapre la Vineria Fabbri

A due mesi e mezzo dall’incendio provocato da un corto circuito, il titolare Sergio Prevarin spalanca le porte del suo locale a Lignano Sabbiadoro


Gennaro Cortegiano - Abile Pronto Casa

Vent’anni di Abile Pronto Casa

Idraulico, vetraio, fabbro, tapparellista, artigiano edile esperto in ristrutturazioni: fu Gennaro Cortigiano a portare a Trieste nel 1997 il servizio di Pronto intervento 24 ore affrontando ogni tipo di emergenza


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa