Uccisa da ex fidanzato: condanna ridotta in appello

Manduca dovrà scontare più di 25 anni. Ergastolo in primo grado

(ANSA) - UDINE, 22 FEB - La Corte d'assise d'appello di Trieste ha ridotto la condanna a Vincenzo Manduca, il macellaio di Santa Sofia di Forlì, reo confesso dell'omicidio di Lisa Puzzoli, ex fidanzata e mamma della loro bambina, uccisa a 22 anni a coltellate davanti alla sua abitazione a Villaorba di Basiliano (Udine) la sera del 7 dicembre 2012.
    Condannato in primo grado all'ergastolo, a Manduca è stata ridotta la pena a 25 anni, 5 mesi e 15 giorni di reclusione. La Corte d'assise d'appello ha applicato anche la misura di sicurezza di 3 anni di libertà vigilata. La Corte d'appello ha inoltre concesso le attenuanti generiche in regime di equivalenza con le aggravanti. Depenalizzato il reato di ingiurie, Manduca è stato assolto dal reato di tentata sottrazione di minore. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa