Archeologia: scoperte prime tracce umane in Kurdistan

Risalenti a 500 mila anni fa. Università di Udine e La Sapienza

(ANSA) - UDINE, 20 GEN - Tracce delle prime occupazioni umane preistoriche del Kurdistan iracheno, risalenti ad almeno 500 mila anni fa (Paleolitico inferiore), sono state scoperte dagli archeologi delle università di Udine e di Roma "La Sapienza" nella regione settentrionale dell'antica Mesopotamia, impegnati nella zona nell'ambito del "Progetto archeologico regionale Terra di Ninive", finanziato da Ministero degli Affari esteri, Regione FVG, Fondazione Crup e Studio Giorgiutti.
    Le ultime ricerche hanno portato anche al ritrovamento di reperti della presenza dell'uomo di Neanderthal e alla individuazione di vaste necropoli di comunità nomadi databili fra tarda preistoria (circa 6.000 a.C.) ed età del Bronzo (circa 1200 a.C.). Identificati inoltre i primi villaggi del 7000 a.C.
    (Neolitico ceramico), scoperti tre miniere per l'estrazione e la lavorazione della selce e circa 300 siti archeologici datati fra il 7000 a.C. e il 1900 d.C. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa