Euro 2016, Inghilterra-Galles 2-1

Gol di Bale al 42', pari di Vardy al 56' a raddoppio di Sturridge nel recupero

Redazione ANSA ROMA

Prosegue l'Europeo 2016. Inghilterra-Galles 2-1: gol di Bale al 42', pari di Vardy al 56' a raddoppio di Sturridge nel recupero. FOTO E TABELLINO

Ucraina-Irlanda del Nord alle 18 e a Germania-Polonia alle 21.

Clima di festa fra i tifosi che stanno affollando il centro di Lens, a poco meno di due ore dal pur temuto "derby britannico" fra Inghilterra e Galles, gara della seconda giornata del gruppo B di Euro 2016. Per prevenire gli incidenti scoppiati in questi giorni nella vicina Lille e a Marsiglia, la vendita di alcolici è stata strettamente regolamentata con la chiusura di alcuni negozi e l'esposizione di cartelli con le nuove regole in quelli aperti. Al momento, comunque, le due tifoserie circolano liberamente nella più piccola delle città sede del torneo, potendosi anche mescolare, mentre la pioggia che sta cadendo sulla Francia restituisce loro condizioni molto familiari. I tifosi senza biglietto, invece, stanno componendo una lunga fila all'ingresso della fan zone, situata anch'essa in centro. Le Forze dell'ordine, infine, sono presenti in misura massiccia e concentrate soprattutto presso la stazione ferroviaria, dove sono giunti molti tifosi da Lilla.

Quello stadio Felix Bollaert di Lens che nel novembre del 1977 vide i giallorossi di casa battere la Lazio per 6-0 (tripletta di Didier Six) in Coppa Uefa, diventa territorio britannico per quella che dai tabloid è già stata definita una battaglia.

Inghilterra e Galles, da sempre divise da una fiera rivalità venuta meno solo quando c'è stato l'obbligo di formare una squadra comune per l'Olimpiade di Londra 2012, si sono incontrati soltanto quattro volte dal 1984 (anno dell'ultimo successo dei 'Dragoni') a oggi, e hanno sempre prevalso gli inglesi, l'ultima volta nelle qualificazioni di Euro 2012. Ora per questo confronto che per un secolo, fino appunto all'84, ha avuto cadenza annuale, il palcoscenico è sempre di livello continentale, ma si tratta di una fase finale e quindi, soprattutto per chi è sfavorito, l'occasione si fa ghiotta. Lo dice senza mezzi termini il ct gallese Chris Coleman, spiegando che "se dovessimo vincere, saremmo negli ottavi. Ed è questa la vera impresa che compiremmo, non tanto battere l'Inghilterra.
    Dobbiamo avere fiducia".
    A rendere ancor più spasmodica l'attesa hanno contribuito alcune dichiarazioni di Gareth Bale, idolo dei gallesi, secondo il quale "noi giochiamo con più passione per la maglia e orgoglio degli inglesi". Frasi che hanno fatto insorgere la tifoseria dei tre leoni, compresi gli hooligan che sulla strada per Lens oggi si sono scontrati con la polizia e gli ultrà russi a Lilla (distante solo una quarantina di chilometri), ma sulle quali cui il ct Roy Hodgson preferirebbe sorvolare. "Non vorrei commentarle - dice -, perché non lo meriterebbero. Diciamo che le chiacchiere sono chiacchiere, le azioni sul campo sono un'altra cosa. Comunque siamo nel calcio da molti anni, e se dessimo peso a certe cose, e se ciò dovesse impedirci di concentrarci a dovere su questa sfida, dovremmo vergognarci di noi stessi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA