PE: M5S, battaglia su norme più stringenti creazione gruppi

Castaldo, gruppi establishment cercano limitare democrazia

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 6 APR - "Per l'ennesima volta i gruppi dell'establishment cercano di limitare la democrazia all'interno del Parlamento Europeo. E lo fanno nel modo peggiore possibile".

E' quanto afferma l'europarlamentare M5S Fabio Massimo Castaldo all'ANSA, commentando quanto deciso nei giorni scorsi dalla commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo che ha adottato un testo che interpreta in maniera più restrittiva, o più chiara a seconda dei gruppi politici, le regole per la formazione dei nuovi gruppi in vista delle Europee. "Dopo la sonora bocciatura, durante la plenaria di gennaio, dell'emendamento di socialisti, popolari e liberali che attribuiva alla maggioranza assoluta del Parlamento, cioè a sé stessi, un vero e proprio potere, peraltro discrezionale, di censura sull'affinità politica tra i componenti dei gruppi parlamentari alternativi, adesso ci riprovano con l'ennesimo sotterfugio - spiega l'eurodeputato pentastellato -, una 'interpretazione' a un comma del Regolamento, in cui sostanzialmente si cerca di riscriverlo inserendo elementi dello stesso testo già respinto". Secondo Castaldo, "si cerca in pratica di far rientrare di nascosto una norma già rigettata a puro vantaggio dei grandi gruppi politici. Anche questa volta faremo di tutto per bloccare questo triste espediente di partiti ormai in declino che non rappresentano più i cittadini". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: