Percorso:ANSA > Europa > Speciale elezioni 2014 > Tajani il più votato diventa primo vicepresidente

Tajani il più votato diventa primo vicepresidente

Sassoli eletto vicepresidente, Castaldo (M5S) non passa

03 luglio, 12:21
Tajani il più votato diventa primo vicepresidente Tajani il più votato diventa primo vicepresidente

STRASBURGO - L'europarlamentare di Forza Italia, nonché ex vicepresidente della Commissione Ue, Antonio Tajani, è stato eletto oggi primo vicepresidente dell'assemblea di Strasburgo. A Tajani è andato il maggior numero di preferenze (452) espresse al primo scrutinio. Non sono invece passati il candidato Pd David Sassoli e quello dell'Efdd-M5S Fabio Massimo Castaldo. Entrambi si sono ripresentati alla seconda votazione attualmente in corso.

 

SASSOLI ELETTO VICEPRESIDENTE, CASTALDO (M5S) NON PASSA, SÌ A REHN AL TERZO SCRUTINIO - David Sassoli (Pd) è stato eletto vicepresidente del Parlamento europeo al secondo scrutinio. All'esponente Pd, alla sua seconda legislatura europea, sono andate 394 preferenze. Fabio Massimo Castaldo non ce l'ha fatta. L'assemblea dell'Europarlamento ha eletto oggi tutti i suoi 14 vicepresidenti, ma l'esponente M5S, candidato dal gruppo Efdd (guidato dall'Ukip e a cui hanno aderito i grillini) non è riuscito a ottenere i voti necessari. E' invece stato eletto al terzo e ultimo scrutinio l'esponente liberaldemocratico finlandese Olli Rehn, ex commissario Ue agli affari economici e monetari, che ha ottenuto 377 preferenze.

 

SASSOLI, RIDURRE DISTANZA TRA CITTADINI E PARLAMENTO - Il primo compito da svolgere è avvicinare il Parlamento europeo ai cittadini e, per farlo, ''serve maggiore trasparenza e capacità d'innovazione, per semplificare le procedure e aumentare l'efficienza''. E' quanto afferma l'eurodeputato del Pd David Sassoli, eletto oggi vicepresidente dell'Europarlamento. ''E' una grande gioia, ora subito al lavoro per un Parlamento europeo efficiente e trasparente'', ha detto Sassoli commentando la sua elezione. ''Con la nuova legislatura abbiamo davanti sfide decisive che dovranno vedere i progressisti determinati nel rafforzamento del modello sociale europeo, nel sostegno alle giovani generazioni, nella correzione delle politiche di rigore, nell'uguaglianza di genere, nella difesa dei valori di cittadinanza e solidarietà'', ha aggiunto l'europarlamentare.

 

Ecco i 14 vicepresidenti eletti:

 

- Antonio TAJANI (PPE, IT) 452 voti

- Mairead MCGUINNESS (PPE, IE) 441 voti

- Rainer WIELAND (PPE, DE) 437 vot

- Ramón Luis VALCÁRCEL SISO (PPE, ES) 406 voti

- Ildikó GÁLL-PELCZ (PPE, HU) 400 voti

- Adina Ioana VALEAN (PPE, RO) 394 voti

- Corina CREŢU (S&D, RO) 406 voti

- Silvye GUILLAUME (S&D, FR) 406 voti

- David SASSOLI (S&D, IT) 394 voti

- Olli REHN (ALDE, FI) 377 voti

- Alexander GRAF LAMBSDORFF (ALDE, DE) 365 voti

- Ulrike LUNACEK (Verdi/ALE, AT) 319 voti

- Dimitris PAPADIMOULIS (GUE/NGL, EL) 302 voti

- Ryszard CZARNECKI (ECR, PL) 284 voti

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA