Percorso:ANSA > Europa > Industria e trasporti > Ue, Italia record per numero imprese e occupati

Ue, Italia record per numero imprese e occupati

Male per fatturato e accesso credito. In arrivo nuovi fondi Ue

25 novembre, 18:57
Ue, Italia record per numero imprese e occupati Ue, Italia record per numero imprese e occupati

BRUXELLES - L'Italia resta, nonostante la crisi, il paese Ue dal tessuto imprenditoriale più ricco con il numero record di 3,843 milioni di imprese nel 2011, di cui la stragrande maggioranza micro. E sono proprio queste a detenere anche il record di occupati, ben il 46%. La situazione, però, è tutt'altro che rosea: le imprese italiane sono anche quelle che, a livello europeo, più vedono crollare fatturato e profitti, e allo stesso tempo aumentare debiti e difficoltà nell'accesso al credito. E se il 2014, sulla scia della ripresa, sembra profilarsi migliore per le pmi europee, restano cruciali i nuovi fondi Ue dei programmi Cosme e Horizon 2020, in arrivo con un ammontare mai così alto nella storia di Bruxelles.

 

Secondo quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat relativi al 2011, l'Italia, con i suoi oltre 3,8 milioni di imprese, stacca di gran lunga la Francia, seconda con 2,5 milioni di aziende, poi la Germania (2,1 mln) e la Spagna (2 mln). Di questi 3,8 milioni di aziende italiane, ben il 94,8% sono microimprese, solo il 5,2% sono pmi e appena lo 0,1% sono grandi imprese. Queste danno lavoro in totale a quasi 15 milioni di persone, di cui la maggior parte (46%) è impiegata nelle microimprese. Queste ultime hanno un ruolo occupazionale così chiave solo in Portogallo, dove rappresentano il 42% degli occupati. In termini di fatturato, però, l'Italia arranca: nel 2011 è stato pari a 2.932 miliardi di euro, nettamente staccato dai 5.569 del top della Germania, e inferiore ai 3.621 mld della Francia e ai 3.519 mld della Gran Bretagna.

 

A fare la parte del leone, ancora una volta le microimprese italiane, che hanno pesato per il 25,2% del fatturato, al terzo posto in Ue dopo le estoni (31%) e le cipriote (27%). Dal rapporto Ue 2013 sull'accesso al credito, però, emergono più ombre che luci: a fronte di una maggioranza di paesi in cui la situazione è in miglioramento, le imprese italiane nel 2013 registrano tra i maggiori cali Ue (insieme a Spagna, Grecia, e Cipro) nel fatturato (-29%), nei profitti (-49%) e nei margini (-55%, in netto peggioramento dal -39% del 2011).

 

Ben il 61% delle pmi italiane si trova in una situazione finanziaria in deterioramento, le sole insieme a quelle cipriote a veder ancora peggiorare la situazione rispetto al 2011 (50%), anche sul fronte del rapporto debiti/asset (+14%). Le aziende italiane chiedono ormai prestiti non per investimenti (32%) ma soprattutto per assicurare la liquidità (58%). In questo contesto arriva l'impegno della Commissione Ue per il 2014-2020, con i 2,3 mld di cui 1,4 per prestiti e venture capital del programma Cosme, e con una parte dei 70 mld di Horizon 2020, mentre è partita sotto la guida del commissario all'industria Antonio Tajani la Settimana europea delle pmi.

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA