Bilancio Ue: regioni europee, tagli sarebbero un regalo al populismo

Appello presidente CdR, impatto Brexit non ricada sui territori

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "Lancio un appello a nome del Comitato europeo delle Regioni (CdR) per evitare tagli agli investimenti che aiutano a migliorare la vita delle persone nelle città e nelle regioni. Una riduzione dei fondi europei per ospedali, scuole, trasporto locale, ambiente, università e pmi sarebbe un fallimento per i cittadini e un regalo al populismo". Così il neoeletto presidente del CdR, Apostolos Tzitzikostas, in vista del Consiglio europeo straordinario di giovedì, in cui gli Stati membri proveranno a trovare un difficile compromesso sul bilancio dell'Unione 2021-2027.

"Dobbiamo continuare a investire i soldi dei contribuenti nelle comunità locali, perché questo va a favore sia dei contributori netti che dei beneficiari netti al bilancio", continua Tzitzikostas in una nota. "Sono molto preoccupato per il rischio di indebolire le politiche che portano l'Europa più vicina ai cittadini, e viceversa", come la coesione e l'agricoltura, afferma il presidente del CdR. "Siamo consapevoli dell'impatto finanziario della Brexit, ma i costi non devono essere messi sulle spalle di città e regioni. Non si tratta di soldi, ma di un investimento sul futuro della nostra gente", conclude.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: