Verso maggiori investimenti con fondi Ue nella sanità pubblica

Commissione lancia riflessione,anche su servizi transfrontalieri

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Aumentare il legame fra i fondi strutturali e gli investimenti nella sanità pubblica, migliorando anche i servizi di emergenza transfrontalieri. Queste le proposte principali emerse dalla tavole rotonda che ha riunito a Bruxelles i professionisti del settore per avviare una riflessione sugli investimenti dell'Ue nella sanità nell'ambito dei programmi della politica di coesione 2021-2027.

L'iniziativa è stata anche l'occasione per lanciare la seconda fase di un progetto pilota per migliorare i servizi d'emergenza transfrontalieri nei Pirenei, tra le regioni di Francia, Spagna e Principato di Andorra, che mira a garantire il riconoscimento reciproco preventivo dei medici da entrambi i lati del confine. I risultati di tale progetto costituiranno un esempio da replicare eventualmente in futuro in altre regioni transfrontaliere.

"Gli investimenti della politica di coesione nella sanità, pari a oltre 4 miliardi di euro di fondi Ue nell'attuale bilancio, sono l'espressione tangibile di un'Europa che protegge. L'assistenza sanitaria è in evoluzione e gli investimenti europei devono evolvere di pari passo", ha detto la commissaria Ue alla Politica regionale, Corina Cretu.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: