35 sindaci marchigiani a Bruxelles in difesa di ambiente e fondi Ue

Bora e Mangialardi, qui per mostrare supporto a Europa

Redazione ANSA

BRUXELLES - "La Regione Marche è ambasciatrice del Patto dei sindaci per il clima e oggi siamo a Bruxelles con tantissimi Comuni che hanno firmato con grande convinzione questo documento, che li impegna a recepire progetti che abbiano un impatto positivo sul clima". Così Manuela Bora, assessore con delega alle politiche Ue della Regione Marche, che ha accompagnato a Bruxelles una delegazione di 35 sindaci marchigiani. I primi cittadini hanno assistito alla plenaria del Comitato europeo delle Regioni (CdR), incontrato il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani, e oggi parteciperanno a un evento dedicato al Patto dei sindaci.

 

"È bello vedere tantissimi sindaci qui a ringraziare l'Europa e a credere in una politica di coesione sempre più vicina ai territori" ha aggiunto Bora. I primi cittadini sono stati ringraziati in aula dal presidente del CdR, Karl-Heinz Lambertz, perché grazie alla loro firma l'Alleanza europea in difesa della politica di coesione ha raggiunto 10mila sottoscrizioni. "Portare qui 35 sindaci delle Marche significa una spinta dal basso e un grande convincimento da parte del territorio nella forza dell'Europa", ha detto il sindaco di Senigallia e presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi. "I fondi di coesione europei contengono una parte determinante per il futuro dell'Europa, quella che parla di inclusione - ha aggiunto - e con quelle risorse ci può mettere in condizione di costruire una comunità europea che non guarda solo all'economia ma guarda alle persone".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: