Marini, territori al centro coesione post 2020

Coter adotta testo della governatrice dell'Umbria

Redazione ANSA

BRUXELLES - La politica di coesione deve restare ancorata ai territori: questo il messaggio centrale del parere sulla riforma dei fondi strutturali post-2020, approvato oggi a Bruxelles dalla Commissione Politica di coesione territoriale e bilancio dell'Ue (Coter) del Comitato delle Regioni (CdR). Lo spiega all'ANSA la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, correlatrice del testo assieme al sottosegretario di stato per il land tedesco della Sassonia-Anhalt, Michael Schneider. "Abbiamo voluto sottolineare con grande attenzione - afferma Marini - quanto sia importante che questa politica rimanga ancorata ai territori e alle comunità locali". Nel parere si sottolinea il ruolo degli accordi di partenariato con le Regioni e le autorità locali, e sono stati indicati emendamenti significativi per i territori. "Questo - spiega Marini - è volto a salvaguardare una politica di coesione che sia davvero regionale e territoriale, che non ci sia rinazionalizzazione" e "che non ci sia un eccesso di fardelli amministrativi, perché l'obiettivo è quello di favorire la capacità di assorbimento" e di "arrivare ai beneficiari finali, che sono i cittadini e le imprese". Il testo sarà votato nella plenaria del CdR a dicembre.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: