Percorso:ANSA > Europa > Ambiente ed energia > Rinnovabili: sale a 14% consumo Ue 2012, Italia cresce a 13,5%

Rinnovabili: sale a 14% consumo Ue 2012, Italia cresce a 13,5%

Uno tra aumenti maggiori periodo 2004-2012, più vicino target 17%

10 marzo, 18:07

Lentamente ma continua a crescere l'uso delle rinnovabili in Europa, nel 2012 arrivato al 14,1% contro il target del 20% fissato per il 2020. L'Italia è uno dei paesi in cui si è registrata una delle crescite maggiori a partire dal 2004. E' quanto emerge dai dati Eurostat, secondo cui solo tre paesi - Svezia, Bulgaria ed Estonia - hanno già raggiunto gli obiettivi 2020.

 

I paesi in cui è aumentato di più il consumo di energie rinnovabili sono stati la Svezia (passata dal 38,7% del 2004 al 51% del 2012), la Danimarca (dal 14,5% al 26%), l'Austria (dal 22,7% al 32,1%), la Grecia (dal 7,2% al 15,1%) e infine l'Italia (dal 5,7% al 13,5%). La progressione 'verde' italiana ha marcato il 6,5% nel 2007, il 10,6% nel 2010, il 12,3% nel 2011, mentre deve ancora crescere del 3,5% per raggiungere il target del 17% fissato per il 2020.

 

I paesi 'più verdi' in termini assoluti sono la Svezia (record Ue con il 51%, superando con otto anni di anticipo il target del 49%), la Lettonia (35,8%), la Finlandia (34,3%) e l'Austria (32,1%). L'Estonia è stata la prima a raggiungere in anticipo l'obiettivo 2020 nel 2011 (rinnovabili a 25,2% nel 2012), seguita poi nel 2012 anche dalla Bulgaria (16,3%). Gli stati 'maglia nera' per l'uso di energia rinnovabile sono invece Malta (1,4%), Lussemburgo (3,1%), Gran Bretagna (4,2%) e Olanda (4,5%).

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA