Dalle politiche dell'Ue duemila miliardi in dieci anni

Parlamento europeo mappa 50 settori per crescere, dal mercato unico all'energia

Redazione ANSA

BRUXELLES - Oltre 2.000 miliardi di euro: potrebbe essere questo il valore aggiunto delle politiche Ue in una serie di settori strategici nel decennio 2019-2029. La cifra emerge da uno studio pubblicato dal Servizio ricerca del Parlamento europeo, che fa una mappatura di quelli che potrebbero essere i 'costi della non Europa', ossia della mancata adozione e attuazione di una serie di azioni strategiche nei settori chiave dell'economia del Vecchio Continente, che vanno dal mercato unico fino all'energia e alla robotica.

Secondo lo studio, le politiche Ue sostenute dal Parlamento europeo potrebbero generare un 'dividendo' stimato in 2.213 miliardi di euro entro il 2029. Sono 50 i settori in cui le misure proposte potrebbero dare un valore aggiunto, raggruppabili a loro volta in 10 macro-aree: il mercato unico (valore aggiunto di 713 miliardi); l'ambiente, l'energia e la ricerca (502 miliardi di euro); l'Unione economica e monetaria (322 miliardi); l'economia digitale (178 miliardi); Europa sociale, occupazione e salute (142 miliardi); giustizia, sicurezza, diritti fondamentali (125 miliardi); la politica estera dell'Ue (67 miliardi); una cittadinanza comunitaria attiva (Citizens' Europe, 58 miliardi); affari interni, migrazione e frontiere (55 miliardi); trasporti e turismo (51 miliardi). In 7 settori i guadagni potenziali potrebbero superare i 100 miliardi di euro.

Una serie di azioni da attuare per il completamento del mercato unico dei beni, tra cui l'adozione di norme armonizzate sui prodotti e un miglior recepimento della legislazione dell'Ue, potrebbero infatti dare un forte impulso all'economia europea, stimato tra i 183 e i 269 miliardi di euro. Ancora più importante sarebbe la spinta generata dal completamento del mercato unico dei servizi, il cui potenziale non sfruttato potrebbe generare 297 miliardi di euro di guadagni per l'economia Ue. L'analisi si sofferma anche sui settori del futuro, come la robotica e l'intelligenza artificiale, che con un sostegno e una regolamentazione comunitaria adeguata potrebbero dar vita a un ricavo annuo di 206 miliardi. Tra le aree dove i guadagni potenziali potrebbero essere sopra i 100 miliardi ci sono ancora il completamento del mercato unico digitale (110 miliardi di ricavi potenziali), dell'integrazione del mercato dei capitali (137 miliardi ogni anno) e dell'integrazione del mercato energetico (231 miliardi annui).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: