Europee: nasce 'Alleanza europea dei popoli e delle nazioni'

Lo ha annunciato Meuthen, portavoce federale dell'Afd a Milano

Redazione ANSA MILANO

MILANO - "Noi qui oggi siamo quattro rappresentanti di partiti europei che vogliono cominciare a lavorare per la costituzione di un nuovo gruppo europeo dopo le elezioni europee del 26 maggio. Questo gruppo parlamentare ha il nome di "Alleanza europea delle Nazioni e delle Libertà, Eapn European Alliance of People and Nation". Lo ha annunciato Jorg Meuthen, portavoce federale dell'Afd durante la conferenza internazionale organizzata dalla Lega a Milano. "Oggi dichiariamo - ha spiegato - di fronte a voi la chiara intenzione di costituire questo nuovo gruppo parlamentare. Oggi era importante per noi gettare il primo punto per questo nuovo progetto pubblicamente. In questa casa ci saranno molti nuovi abitanti".

"In questa composizione di oggi abbiamo partiti rappresentanti dei tre gruppi di destra che oggi siedono nel Parlamento europeo - ha detto ancora Meuthen-. Da oggi vogliamo dimostrare che le forze patriottiche e di destra hanno intenzione di non frammentarsi nel parlamento europeo ma di procedere insieme con uno stesso scopo, vale a dire rivedere tutta la politica europea che oggi provoca danni a tutti i cittadini europei". Dopo le prossime elezioni, al Parlamento europeo siederà dunque il nuovo gruppo European Alliance of People and Nations, ovvero Alleanza europea delle nazioni e dei popoli.

"Vogliamo riformare l'Europa, non distruggerla" ha aggiunto il tedesco che, dopo le polemiche per l'uscita di Alternative fur Deutschland durante la commemorazione della Shoah al parlamento bavarese, ha sottolineato che "le barbarie naziste, i fatti atroci sono una realtà storica. L'Olocausto è il fatto più triste, vergognoso, tetro della storia tedesca e nessuno in Alternative fur Deutschland ha un'idea diversa". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."