Europee: Ue striglia social 'fare di più contro fake news'

Fatti progressi ma non basta. Ok trasparenza su pubblicità

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Facebook, Google e Twitter hanno fatto progressi sugli impegni presi con la Commissione Ue per combattere la disinformazione online in vista delle elezioni europee, ma devono fare più sforzi in diverse aree. Così Bruxelles torna a strigliare i social network dopo aver aver analizzato il rapporto mensile di febbraio su questo tema. Per Bruxelles è positivo che gli strumenti per assicurare la trasparenza delle pubblicità elettorali online saranno "operativi in anticipo rispetto alle elezioni europee. Questo è un traguardo sostanziale, soprattutto in così poco tempo", hanno affermato i commissari Ue Andrus Ansip, Vera Jourova, Julian King e Maryia Gabriel in una dichiarazione congiunta, aggiungendo che "tuttavia sono necessari ulteriori sforzi in tutte le aree chiave da parte di tutti i firmatari" del Codice di buone pratiche. In particolare la Commissione avverte di avere "bisogno di informazioni più sistematiche" proprio "per valutare gli sforzi" che stanno davvero facendo le piattaforme.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."