Europee: Affronte, mi tessero nei Verdi, Italia sia più green

Ex M5S, finora indipendente, fra animatori OndaVerdeCivica

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "In Italia c'è un'unica forza politica che porta avanti, da sempre, i temi a me più cari: sostenibilità, lotta allo sfruttamento sconsiderato delle risorse del pianeta, tutela dell'ambiente e della biodiversità, transizione ecologica. Per questo ho scelto di tesserarmi nella Federazione dei Verdi Italiani". Lo annuncia l'eurodeputato Marco Affronte, già iscritto all'European Green Party e componente del Gruppo Verdi/Ale al Parlamento Europeo.

"L'appuntamento con le elezioni Europee è cruciale per il futuro dell'Italia e dell'Europa. Insieme ai Verdi, sono stato uno dei principali animatori del percorso che sta portando alla formazione di un fronte ecologista di ispirazione continentale in Italia: l'idea di #OndaVerdeCivica mi piace, e la ritengo fondamentale per imporre alcuni temi all'attenzione generale", prosegue Affronte. Per questo "dobbiamo riformare il sistema economico, non possiamo continuare a consumare il doppio di quanto abbiamo a disposizione" ed è "necessario eliminare il concetto stesso di rifiuto - precisa - e capire che ogni nostra politica economica debba essere basata sulla sostenibilità, per trasmettere un pianeta vivibile anche alle generazioni future". Affronte propone poi un'Europa "più equa, più attenta all'ambiente, più vicina nell'ascolto dei cittadini, più decisa sui diritti civili, più unita nell'affrontare la sfida delle migrazioni, dei cambiamenti climatici".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."