Europee: Corrao (M5S), proposta Borghi è impossibile

In Italia lavoriamo insieme a Lega ma in Ue posizioni diverse

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - La proposta del presidente della Commissione Bilancio Claudio Borghi di creare un gruppo Lega M5S alle europee "la vedo impossibile. Probabilmente Borghi conosce poco quello che è successo, quello che sono le dinamiche del Parlamento europeo". Lo afferma l'europarlamentare M5S Ignazio Corrao. "È vero che in Italia lavoriamo insieme, anche bene, sulla base di un contratto, ma a livello europeo le nostre posizioni sono sempre state molto diverse. E anche la nostra idea di Unione europea e la nostra idea di futuro sono molto diverse da quella Lega - precisa - mentre loro cercano nell'estremismo di destra una risposta ai problemi dell'Europa noi crediamo che la risposta debba essere nuova e alternativa, quindi né a destra né a sinistra né nei partiti dell'establishment, quindi cercando di ripetere quella che è stata la nostra esperienza a livello nazionale e portarla a un livello europeo".

Riguardo alla formazione del nuovo gruppo in seno all'Eurocamera Corrao ricorda che il M5S ha presentato la "piattaforma", il "progetto per l'Europa, la settimana scorsa a Roma" che comprende insieme al Movimento "cinque delegazioni, però è chiaro che già da tempo abbiamo dei dialoghi aperti e delle negoziazioni in corso con altre delegazioni di altri Stati dell'Ue. Contiamo di arrivare ad averne una decina così da avere un gruppo numeroso e solido che possa portare avanti quelle che sono le nostre battaglie, le battaglie che abbiamo fatto in questi cinque anni a livello europeo e a livello nazionale".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."