Bresso (Pd), governo cambi idea su Tav e accetti scelta Ue

Interrogata la Commissione che risponde, opera 'indispensabile'

Redazione ANSA STRASBURGO

STRASBURGO - "La Commissione europea ha risposto alla nostra interrogazione sulla Tav affermando che questa linea, che fa parte della linea trans-europea del Mediterraneo la Tent-T, è indispensabile e deve essere finita entro il 2030 e che la valutazione ambientale, che è obbligatoria, è stata fatta più volte, l'ultima nel 2015, sul progetto attuale, e che quindi non intende minimamente modificare tale posizione". Così l'europarlamentare Pd Mercedes Bresso commentando con i giornalisti a Strasburgo la risposta della Commissione europea alla interrogazione presentata a fine 2018 da diversi eurodeputati Pd-S&D sull'analisi costi-benefici della Tav da parte del governo.

"Il governo cambi idea e accetti il fatto che questa è una scelta europea che produce lavoro e crescita immediatamente e soprattutto un equilibrio forte verso il Mediterraneo di tutto il grande sistema di trasporto a livello mondiale", conclude Bresso. Secca la capodelegazione del Pd Patrizia Toia. "Ieri abbiamo attaccato il presidente Conte con molto rispetto perché sta portando l'Italia in una posizione isolata e marginale. Abbiamo fatto molti esempi di questa tendenza spiacevole del nostro Paese e oggi" con adesso con la Tav "abbiamo un altro esempio, di isolamento dell'Italia".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: