Europee: calciatori in campo, a maggio andiamo a votare

L'Eurocamera firma accordo con i giocatori professionisti

Redazione ANSA STRASBURGO

STRASBURGO - Spingere quante più persone possibile, in particolare i giovani, ad andare a votare alle elezioni europee. È l'obiettivo del partenariato firmato oggi a Strasburgo, nel quadro della campagna dell'Eurocamera 'Stavoltavoto', dal Parlamento europeo insieme alla Federazione internazionale dei calciatori professionisti (Fifpro), l'organizzazione che rappresenta 65mila giocatori a livello mondiale. A firmare l'intesa il presidente dell'Eurocamera Antonio Tajani e il segretario generale della Fifpro per l'Europa, Jonas Baer-Hoffmann.

"La presenza di grandi campioni dello sport, come quelli che stanno partecipando a questa campagna - ha spiegato Tajani - serve a far capire che coloro che usano la testa per vincere grandi sfide, la usano anche per scegliere i loro rappresentanti. Sono dei cittadini" e, come tali, "vogliono mettere a disposizione la loro notorietà per spiegare, soprattutto ai giovani, che è importante andare a votare. Gli assenti hanno sempre torto". Presente all'iniziativa al Parlamento Ue a Strasburgo fra gli altri il presidente dell'Associazione italiana calciatori (Aic), Damiano Tommasi, ex giocatore della nazionale ed ex centrocampista della Roma. "La partecipazione di calciatori, di atleti di altissimo livello, delle calciatrici a questa campagna - ha spiegato Tommasi - sicuramente è una responsabilità riguardo al ruolo di cittadini che tutti noi abbiamo", soprattutto per il fatto "di essere molto seguiti da una popolazione giovane che magari si appresta per la prima volta ad andare alle urne proprio in occasione delle elezioni europee". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."