StavoltaVoto, Parlamento Ue lancia campagna per elezioni '19

Spazio ai giovani per convincere a recarsi alle urne

Redazione ANSA

ROMA - Il Parlamento europeo punta sui giovani in vista delle elezioni di maggio, chiedendo loro di trasformarsi in attivisti del voto. L'obiettivo dei volontari sarà convincere più persone possibile a recarsi alle urne in un suffragio chiave per il futuro della Ue. E' il senso dell'iniziativa #StavoltaVoto, presentata oggi alla Festa del Cinema di Roma. Perche' l'Europa è cultura, sottolineano gli organizzatori, che hanno fatto raccontare agli attivisti la loro esperienza per le strade, a spiegare alle persone l'importanza del voto di maggio.

#StavoltaVoto è una piattaforma di incontro sul web, che registra quante persone vengono reclutate, e che a loro volta possono diventare attiviste per andare a caccia di nuovi potenziali votanti. Iscrivendosi alla piattaforma "si mette la propria faccia per garantire alle prossime elezioni un parlamento forte, l'unico strumento per far sentire la propria voce in Europa", spiega Valeria Fiore, responsabile dell'ufficio di collegamento del Parlamento europeo in Italia.

La campagna di reclutamento si svolgerà in tutti paesi Ue. Dal '99 meno della metà degli aventi diritto è andata a votare, ma le elezioni del 2019 avranno un significato particolare, rileva Beatrice Covassi, capo della rappresentanza della Commissione europea in Italia: "Nel 2019 avremo un'Europa nuova, a 27, per via della Brexit. Ma il voto di maggio sarà anche uno spartiacque tra chi vuole andare avanti con un assetto istituzionale solido, più comunitario, e chi invece preferirà una visione più nazionalista. Ed è importante che i giovani decidano quale volto dare a questa Europa".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."