Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Ue boccia manovra e chiede nuova bozza in tre settimane

Ue boccia manovra e chiede nuova bozza in tre settimane

Dombrovskis: 'Da Italia danni a tutti'. Moscovici: 'Tria credibile'

24 ottobre, 10:46
I commissari Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici © Commissione Ue I commissari Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici © Commissione Ue

La Commissione Ue ha deciso di respingere il Documento programmatico di bilancio italiano e di chiederne uno nuovo, che dovrà essere inviato entro tre settimane a Bruxelles.

 

La 'bocciatura' di Bruxelles della manovra di bilancio "per come è stata presentata era largamente prevista e non ci stupisce". E' quanto afferma il portavoce del ministero dell'Economia commentando la richiesta di modifica della manovra italiana da parte della Commissione Ue. Il ministero valuterà ora le richieste e contemporaneamente monitorerà le reazioni dei mercati. Il confronto con l'Ue, comunque, non rallenterà l'iter di presentazione della Legge di Bilancio attesa in Parlamento per la fine di questa settimana o l'inizio della prossima.

 

Lo spread sfiora 320 punti base

 

Le misure previste dalla manovra "indicano un chiaro rischio di retromarcia su riforme adottate in linea con le raccomandazioni Ue". L'abolizione della Fornero "fa retromarcia sulle riforme precedenti che puntellano la sostenibilità del debito", il condono "può scoraggiare la già scarsa conformità al fisco, implicitamente premiando comportamenti non conformi" e "la riduzione delle tasse sulle imprese che investono sono disinnescate dall'abolizione delle agevolazioni fiscali". Lo scrive la Ue nell''Opinione'.

 

"L'Italia non rispetterà il benchmark di riduzione del debito né nel 2018 né nel 2019" in base alla manovra presentata. E "la prevista riduzione del rapporto debito/Pil è soggetta a larghi rischi al ribasso, visto che si basa su proiezioni di crescita ottimistiche, privatizzazioni dello 0,3% del Pil all'anno dal 2019 al 2021 e l'attivazione delle clausole di salvaguardia nel 2020 e 2021, che sono state sterilizzate per il 2019", si legge nella 'Opinione'  della Commissione Ue.

 

 

"E' con molto dispiacere che sono qui oggi, per la prima volta la Commissione è costretta a richiedere ad uno Stato di rivedere il suo Documento programmatico di bilancio. Ma non vediamo alternative. Sfortunatamente i chiarimenti ricevuti ieri non erano convincenti", ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis nella conferenza stampa al termine della riunione dei commissari. 

 "I bilanci in equilibrio, l'efficienza dei servizi, i diritti garantiti ai cittadini, la sinergia tra pubblico e privato, in modo che crescano le opportunità per tutti, sono sfide a cui nessuna amministrazione può sottrarsi: il Comune e la Provincia come la Regione e lo Stato". Lo ha detto, intervenendo alla 35/a assemblea nazionale dell'Anci, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
"La logica dell'equilibrio di bilancio non è quella di un astratto rigore: ci deve sempre guidare uno sguardo più lungo sullo sviluppo, la sua equità e la sua sostenibilità, e occorre procedere garantendo sicurezza alla comunità, scongiurando che il disordine di enti pubblici, e della pubblica finanza, produca contraccolpi pesanti anzitutto per le fasce più deboli, per le famiglie che risparmiano pensando ai loro figli, per le imprese che creano lavoro", ha sottolineato Mattarella.

RIVEDI UN ESTRATTO DELLA CONFERENZA STAMPA

 

 

 

 

Secondo Dombrovskis,  dalla manovra dell'Italia ci saranno danni per tutti.  "L'Europa è costruita sulla cooperazione, l'eurozona è costruita su stretti legami di fiducia" con "regole che sono le stesse per tutti", quindi "se la fiducia viene erosa, tutti gli stati membri vengono danneggiati, la nostra Unione viene danneggiata". Per questo, ha avvertito, "se una politica fiscale più accomodante colpisce la fiducia, può avere in realtà l'effetto opposto alla crescita". 

 

"Il Governo italiano - dice ancora - sta apertamente e coscientemente andando contro gli impegni presi verso se stesso e verso gli altri Stati membri". A maggio scorso, ha ricordato Dombrovskis, la Commissione Ue aveva concluso di non aprire la procedura per debito "soprattutto perché l'Italia era sostanzialmente in linea con le regole", ma "i piani attuali sono un cambiamento materiale che potrebbe richiedere una rivalutazione" di tutto. "La palla è ora nel campo del Governo italiano, abbiamo tre settimane per un dialogo intenso che affrontiamo in modo costruttivo".

 

"Violare le regole può sembrare una tentazione a primo sguardo - ha affermato ancora -, può dare l'illusione di sfuggirvi senza conseguenze" così come può tentare "curare il debito con più debito", ma "a un certo punto il debito si avvicina al punto in cui diventa troppo pesante e si finisce per non avere più libertà del tutto. Ci è stato affidato il compito da tutti gli stati membri di mantenere gli impegni comuni", è "nostro dovere", perché "la fiducia è cruciale". 

 

"Nel 2017" il debito italiano "ha rappresentato un peso medio di 37mila euro per abitante" in Italia, pari "al secondo debito più alto nell'Ue, uno dei più alti al mondo" nonché quello "con il più alto costo totale di rifinanziamento in Europa" che "deve essere pagato ogni anno dai contribuenti". Al punto che "l'anno scorso l'Italia ha speso lo stesso ammontare per rifinanziare il debito di quanto ha dedicato all'educazione", evidenzia il vicepresidente della Commissione Ue. "Mantenere politiche di bilancio solide, e mantenere la fiducia, è cruciale. E' nell'interesse dell'Italia e della zona euro", ha detto, aggiungendo che "si tratta di assicurarsi che le aziende italiane possano continuare a finanziarsi a costi d'interesse bassi, cosa che consente loro di svilupparsi e creare nuovo lavoro. Si tratta di pensare alle giovani famiglie italiane che cercano di comprare la prima casa e hanno bisogno di un mutuo ad un costo che possono permettersi. Si tratta inoltre di equità generazionale: che messaggio inviamo ai giovani, lasciandoli con un tale debito?", ha concluso Dombrovskis.

 

 

Per il commissario Ue agli affari economici Pierre Moscovici, il ministro dell'economia Giovanni "Tria è sempre un interlocutore credibile e legittimo". "Speriamo  - ha detto - che sia capace di convincere il governo italiano della necessità" che la manovra italiana sia "compatibile" con le regole Ue e "gli impegni comuni presi".  

 

"Non si risolvono i problemi con le dichiarazioni di guerra a destra e a manca, anche perché l'ultima dichiarazione di guerra dell'Italia non ha portato molta fortuna ai cittadini". Così il presidente del Pe Antonio Tajani sulla manovra. "Sarebbe più prudente lavorare per ottenere dei buoni risultati - aggiunge -. Credo sia giusto modificare questa manovra per avere più crescita, meno pressione fiscale, più aiuti alle imprese e più aiuti per realizzare infrastrutture, altrimenti la guerra invece che farla a Bruxelles la si farà ai cittadini italiani".


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA