Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Dazi: Ue, eccezioni a Paesi forse buon segno

Dazi: Ue, eccezioni a Paesi forse buon segno

Sabato incontro Ue-Usa-Giappone su acciaio, occasione discussione

08 marzo, 17:38
Dazi: Ue, eccezioni a Paesi forse buon segno Dazi: Ue, eccezioni a Paesi forse buon segno

BRUXELLES - "Non sappiamo ancora cosa succederà" ma il fatto che "nessuno abbia ancora visto il testo" sui dazi che il presidente Usa Donald Trump firmerà e le potenziali eccezioni ad alcuni Paesi del Nafta, forse dalla Gran Bretagna e altri "in un certo senso sono una buona notizia perché è il segno che forse possiamo ancora evitare i danni". Lo ha affermato il presidente della Commissione Ue per la crescita Jyrki Katainen, assicurando che "stiamo ancora cercando di convincere gli americani che non è una buona idea mettere i dazi sull'acciaio". E, ha avvertito, "non c'è bisogno di tornare indietro agli anni Trenta, basti pensare agli inizi del 2000 quando gli Usa li imposero e in pratica significò migliaia di posti lavoro persi per gli americani", quindi "non può venire niente di buono da questa strada".

 

Sabato è programmato a Bruxelles un nuovo trilaterale tra Ue, Usa e Giappone sull'acciaio e la questione della sovraccapacità produttiva soprattutto cinese. L'incontro, previsto da tempo e che fa seguito al primo avvenuto in dicembre, potrebbe essere - sempre che non venga annullato nelle prossime ore - "una buona opportunità per avere un dialogo franco e aperto", spiegano fonti Ue, per "parlare anche delle restrizioni sull'acciaio e l'alluminio annunciate dagli Usa". Bruxelles intende infatti "usare questa occasione per avere chiarezza sulle misure previste dagli Usa, e nuovamente per chiarire quali passi sarebbe obbligata a fare a sua volta se questo accedesse".

 

A partecipare alla riunione saranno la commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem, il rappresentante Usa per il commercio Robert Lighthizer e il ministro giapponese dell'economia Hiroshige Seko. Il formato trilaterale era stato lanciato lo scorso dicembre per creare una maggiore cooperazione per affrontare la sovraccapacità produttiva "lavorando insieme e non agendo in modo unilaterale".

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA