Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Bruno Vespa presenta il suo Primitivo a Bruxelles

Bruno Vespa presenta il suo Primitivo a Bruxelles

'Puglia è regione con grandi prospettive e ha vitigni magnifici'

21 febbraio, 19:40
Bruno Vespa presenta i suoi vini a Bruxelles Bruno Vespa presenta i suoi vini a Bruxelles

BRUXELLES - Sbarca anche a Bruxelles il vino del giornalista Bruno Vespa, in un evento organizzato dall'importatore Giuseppe Gambardella della "Peppe's Wine cellar" in un albergo della capitale belga. Una degustazione per far scoprire ad un pubblico di ristoratori ed operatori del settore enogastronomico in Belgio le etichette della "Vespa Vignaioli per passione", sette vini che vanno dal pluripremiato 'Raccontami' Primitivo di Manduria DOC, all'ultimo nato, l'IGP Nero di Troia 'Helena'. "Sono giunto in Puglia per caso, ma sono felicissimo di esserci capitato", ha spiegato il giornalista all'ANSA. "E' una regione che ha grandissime prospettive, ha vitigni magnifici e sta cominciando a farsi strada nel mondo in maniera imponente. Mentre altre regioni sono partite prima e sono mature, noi invece abbiamo ancora grandissimi territori da conquistare".

 

Lanciata nel 2014 insieme ai figli Federico e Alessandro, e con la collaborazione dell'enologo Riccardo Cotarella, l'azienda Futura14 è cresciuta rapidamente. Intorno alla Masseria LI Reni, in provincia di Taranto, un ex convento di suore della fine del '500 recentemente ristrutturato dalla famiglia Vespa e trasformato in un esclusivo agriturismo, l'azienda coltiva 26 ettari, producendo 200.000 bottiglie all'anno che esporta in quindici paesi in tutto il mondo, dall'Europa, all'Asia, all'America. Solo in Belgio, il distributore "Peppe's Wine Cellar" acquista ogni anno 10.000 bottiglie che vende solo a ristoranti italiani e belgi, in particolare nelle Fiandre e a Bruxelles, evitando appositamente la grande distribuzione. "Ho conosciuto Vespa ad una fiera del vino quattro anni fa, stimavo il giornalista, ora apprezzo i suoi vini", ha aggiunto l'importatore Giuseppe Gambardella.

 

"Io credo che il Primitivo, se ben fatto, non abbia niente da invidiare ai grandi vini italiani, come il Barolo e il Brunello, come hanno avuto fortuna quei vini, abbiamo avuto e avremo fortuna anche noi", ha sottolineato Bruno Vespa. "In futuro, continueremo a puntare sulla qualità" e poi, scherzando, durante la presentazione il giornalista televisivo si è lasciato sfuggire un aneddoto: "Il nostro vino era anche sul volo di Papa Francesco dalla Svezia, mi hanno detto che i Cardinali hanno chiesto diversi calici del nostro Primitivo di Manduria 'Raccontami'". 

 

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA