Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Ema, depositato il ricorso

Ema, depositato il ricorso

Ricomincia la battaglia dell'Italia sull'Ema

31 gennaio, 16:46
Cosa è l'Ema Cosa è l'Ema

C'è cautela ma l'Italia ci prova. Il premier Paolo Gentiloni interviene a 'Uno Mattina' sulla questione della sede dell'Ema. "Dobbiamo provarci - dice Gentiloni - sapendo che l'Ema è importantissima, interessa la salute di tutti i cittadini. C'è stata la gara tra 27 Paesi, noi abbiamo fatto un figurone perché siamo arrivati primi e poi abbiamo perso il sorteggio ma poi è emerso che ci sono informazioni incomplete nel dossier di Amsterdam. Chiediamo alla Corte di Giustizia e poi al Parlamento Ue di valutare. La partita non è chiusa ma non dobbiamo farci illusioni che sia facile riaprirla perché ci sono state procedure seguite". 

 

Gentiloni a Uno Mattina ha parlato anche del futuro dell'Italia in vista delle elezioni. La priorità per il prossimo governo - ha detto - "è non prendere strade sballate o pericolose rispetto a quelle seguite in questi ultimi anni perché quella che abbiamo seguito ha consentito di riagganciare la crescita dell'Eurozona. Se l'Italia si ributta fuori strada perché devi promettere questo o quello, fa un gravissimo errore. Dobbiamo proseguire su questa strada ma usare il capitale ottenuto sui problemi che ancora abbiamo: il primo è il lavoro, a partire da donne e giovani". 

 

 

IL PUNTO SULLA PARTITA EMA (di Patrizia Antonini)

 

Ricomincia la battaglia dell'Italia sull'Ema. Il governo e il comune di Milano presentano a Bruxelles un ricorso contro l'assegnazione dell'Agenzia europea per il Farmaco ad Amsterdam, contestando l'ipotesi che nella decisione vi siano state informazioni incomplete sulla sede, viste le notizie sui possibili ritardi degli olandesi nel predisporre la struttura che dovrà ospitare gli uffici, dopo il trasloco da Londra.

 

Una strada che appare stretta e tutta in salita, ma che non ferma i servizi di Palazzo Chigi e quelli di Palazzo Marino decisi a contestare, davanti alla Corte di Giustizia europea, la decisione con cui Milano, arrivata in finalissima con Amsterdam, fu beffata nello spareggio a sorte.

 

Ma oltre alla battaglia legale c'è anche quella politica. All'Europarlamento le delegazioni italiane di Pd e Fi affilano le armi, in vista del voto in plenaria di marzo, con cui si dovrebbe chiudere l'iter legale sull'assegnazione.

 

Nel ricorso - riferiscono fonti di Palazzo Chigi - si chiederà alla Corte di verificare se la decisione su Amsterdam non sia da considerarsi viziata da informazioni incomplete sulla sede della agenzia. Un ricorso doveroso, secondo molti esponenti politici, dopo le recenti notizie sulla sede destinata a ospitare l'Agenzia. A gettare benzina sul fuoco di una sconfitta che l'Italia non ha mai digerito - e che torna a bruciare, divenendo un tema bipartisan, in piena campagna elettorale - sono state infatti le parole del direttore dell'Ema, l'italiano Guido Rasi, che ha lamentato condizioni "non ottimali" della sede provvisoria proposta dall'Olanda, in attesa di entrare in quella definitiva, il Vivaldi building, che come chiarito fin dall'inizio dai Paesi Bassi, sarà pronta nel 2019.

 

Tra i più ferventi promotori di un'azione italiana presso le istituzioni europee il sindaco di Milano Beppe Sala, che ha spronato il premier Paolo Gentiloni ad impugnare la decisione di fronte alla Corte di Giustizia Ue. Il ricorso "partirà entro mezzanotte", aveva assicurato ieri Sala, entro cioè il termine ultimo per farlo. Il governatore lombardo Roberto Maroni ha anche sollecitato il governo a chiedere "alla Commissione Ue di modificare la decisione presa perché la tutela della salute dei cittadini viene prima di qualunque procedura burocratica".

 

Milano torna così a sperare di spalancare le porte del suo Pirellone agli 890 dipendenti dell'autorità che si occupa della valutazione scientifica dei medicinali, anche se il margine per rovesciare la decisione di novembre è stretto. E ieri sera il grattacielo, in pieno centro, si è illuminato con la scritta 'Ema a Milano'. La Commissione europea, da parte sua, preferisce tenersi ben alla larga dalla disputa. "E' una decisione dei 27 Stati membri e non abbiamo niente da dire", ha affermato il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas, sottolineando: "Abbiamo fatto il nostro lavoro, producendo un'analisi legale di tutte le offerte ricevute in modo trasparente. Non abbiamo fatto shortlist o graduatorie, ma abbiamo fatto la nostra valutazione sulla base dei criteri decisi. E nessuno l'ha messa in dubbio".

 

Fonti del Consiglio Ue esprimono inoltre perplessità sia nel metodo che nel merito di un ricorso alla Corte di giustizia, in particolare perché l'iter legislativo non è concluso, e quindi ci si chiede come sia possibile appellarlo. Una via d'uscita sembra ancora possibile al Parlamento europeo. Oggi a mezzogiorno scadono i termini per presentare gli emendamenti alla proposta legislativa ordinaria sull'assegnazione dell'Ema, in vista del voto in plenaria, a marzo. "Il Parlamento Europeo, in piena autonomia e indipendenza e in qualità di colegislatore, esprimerà la propria decisione. Sono sicuro che tutelerà gli interessi dei cittadini europei", ha avvertito il presidente Antonio Tajani.

 

Dall'Olanda invece, il ministro della Salute Bruno Bruns ha assicurato che il suo Paese ha "costruito la campagna su continuità e qualità. Il processo che ha portato alla decisione" sulla nuova sede "è stato giusto e onesto. Attueremo quanto previsto dall'offerta in stretta collaborazione con l'Ema, per assicurarne la continuità operativa".

 

MILANO SCONFITTA AL SORTEGGIO BEFFA AL BALLOTTAGIO CON AMSTERDAM

 

 

L'Ema dovrà essere operativa ad Amsterdam dal primo giorno della Brexit, cioè il 30 marzo 2019, ma "il palazzo finale non sarà pronto per allora e quindi dovremo andare in una sede temporanea nella città", spiega Rasi. "Questo doppio trasferimento ci costringerà a investire più risorse, e prolungherà il 'piano di continuità', ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali", ha aggiunto. Nelle ultime settimane Rasi ha discusso con le autorità olandesi del palazzo temporaneo, bocciando le proposte iniziali.

 

 

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA