Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Tajani, non lamentarsi se Merkel è forte, l'Italia non c'è

Tajani, non lamentarsi se Merkel è forte, l'Italia non c'è

'Non lo dico in polemica con Gentiloni, parlo di sistema Paese'

10 novembre, 15:15
Tajani, non lamentarsi se Merkel è forte, l'Italia non c'è Tajani, non lamentarsi se Merkel è forte, l'Italia non c'è

BERLINO - "Non ci si lamenti del fatto che Merkel sia così forte in Europa, se l'Italia non c'è. E l'Italia potrebbe e dovrebbe esserci". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, parlando all'ANSA, a margine dell'incontro con il presidente del Bundestag, Wolfgang Schaeuble. "Non lo dico in polemica con Gentiloni o con Renzi. Quello che intendo è che il sistema Paese dovrebbe essere più presente", ha aggiunto. Per Tajani, "serve più Italia in Europa".

 

"Dicono che sono filotedesco... - mette le mani avanti Tajani, che poi spiega il suo punto di vista - in Germania hanno una visione, perseguono degli obiettivi. Sanno difendere i loro interessi". "Noi non contiamo a Bruxelles perché non ci siamo - aggiunge -. Quando gli italiani si muovono, invece, i risultati ci sono".

 

Tajani critica la miopia della politica italiana: "Merkel sa tutto di tutto. Conosce la legge elettorale italiana meglio di noi. Conosce la sentenza della Corte. Schaeuble è informato nei dettagli dei risultati delle elezioni siciliane. Se parli con un politico italiano, non è così informato sulle regionali in Germania". "Sono concentrati sulle questioni locali - aggiunge - su Vigevano, su chi fa il presidente della provincia di Caserta. Per carità, anche queste cose importanti, ma nell'ambito di una visione più ampia. Altrimenti non conti sul palcoscenico internazionale".

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA