Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Migranti:Di Maio, chiudere porti per chi non rispetta regole

Migranti:Di Maio, chiudere porti per chi non rispetta regole

Renzi svenduto Italia, con Lega-Berlusconi non credibili

12 luglio, 18:32
Migranti:Di Maio, chiudere porti per chi non rispetta regole Migranti:Di Maio, chiudere porti per chi non rispetta regole

BRUXELLES - Chiude i porti italiani agli sbarchi dalle navi "di chi non rispetta le regole". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio (M5S) a Bruxelles.

"Chi varca le acque territoriali libiche, chi spegne il transponder, chi non ha la polizia giudiziaria a bordo non può entrare nei nostri porti", ha specificato Di Maio. "Se vogliamo ridurre il fenomeno - ha aggiunto - dobbiamo anche iniziare a fare arretrare le imbarcazioni, in modo che sia difficile compiere il viaggio, per limitare il 'pull factor' e ridurre le partenze".

"L'Italia ha accettato e autorizzato gli sbarchi esclusivamente nei propri porti. Renzi ci ha venduti come nazione per 80 euro. Ha autorizzato l'utilizzo dei porti per gli sbarchi dei migranti in cambio di flessibilità per dare i suoi bonus". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio dopo avere incontrato il direttore di Frontex Fabrice Leggeri al Parlamento europeo.

Quello che allora era il ministro degli Esteri e che oggi è il premier, Gentiloni, venga in parlamento a riferire di questo alto tradimento, perché quello che hanno fatto è alto tradimento". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio in merito all'accordo sull'operazione Triton siglato a suo tempo dall'Italia.

"La Lega Nord ha governato per anni ha approvato e autorizzato i regolamenti di Dublino che stanno schiacciando l'Italia. La Lega come Berlusconi e Renzi hanno avuto la loro occasione di governare e non hanno risolto il problema. Questa gente non ha nessuna credibilità per dire che adesso dobbiamo cambiare Triton". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio dopo l'incontro con il direttore di Frontex Fabrice Leggeri.


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA