Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Migranti: studio Ue, la diversità culturale aumenta il Pil delle città

Migranti: studio Ue, la diversità culturale aumenta il Pil delle città

Emerge dal report sulla creatività pubblicato dalla Commissione europea

06 luglio, 17:28
Migranti: studio Ue, la diversità culturale aumenta il Pil delle città Migranti: studio Ue, la diversità culturale aumenta il Pil delle città

BRUXELLES - L'inclusione dei migranti e la diversità culturale hanno "un impatto positivo" sul Pil reale delle città, con effetti che sembrano "ancora più consistenti" in Paesi una volta considerati in via di sviluppo, come Bulgaria, Ungheria e Polonia. È quanto emerge dal nuovo indicatore della Commissione Ue, il 'Cultural and Creative Cities Monitor'.

 

"Per la prima volta possiamo contribuire al dibattito sull'integrazione mostrando l'importanza della diversità per l'economia e la società" spiega uno dei funzionari europei che ha lavorato all'elaborazione del documento, confermando che le città più "vibranti" culturalmente e ricche economicamente hanno un tasso d'immigrazione sia intra-Ue che extra-Ue superiore al 20%. Il report cita gli esempi virtuosi di Berlino, Londra e Barcellona, dove alcuni rifugiati sono stati formati per diventare guide nei musei o sono stati ideati programmi tv culinari di successo che valorizzano ricette di altri Paesi.

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA