Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Orgia in un Commissariato di Bruxelles durante allerta

Orgia in un Commissariato di Bruxelles durante allerta

Media belgi,coinvolti 2 poliziotte e 8 soldati. Aperta inchiesta

30 dicembre, 19:44
Bruxelles, esercito e polizia Bruxelles, esercito e polizia

BRUXELLES - Doveva rimanere una vicenda privata, molto piccante e segreta. Ma un ufficiale di Polizia pare abbia scoperto tutto ed e' scoppiato inevitabilmente lo scandalo. Cosi' una storia di sesso tra due poliziotte e otto soldati in un Commissariato di Bruxelles, rischia di danneggiare ulteriormente l'immagine delle forze dell'ordine belghe, già messe sotto accusa per la loro inefficacia operativa. Tutto risale ai giorni successivi alle stragi di Parigi del 13 novembre, quando l'organizzazione antiterrorismo belga, la Ocam, stabili' la 'chiusura' della citta'. Per qualche giorno, allerta 4, quella massima. Chiuse scuole, negozi, trasporti pubblici, cinema. In strada solo pattuglie di militari e agenti di Polizia armati sino ai denti per vigilare la sicurezza. Alcuni di questi militari, un plotone dei 'cacciatori delle Ardenne', per evitare di andare e venire dalla loro caserma, furono ospitati nella sede del Commissariato di Ganshoren, nella zona ovest della citta'. Un piano intero fu adibito a dormitorio, dove secondo le indiscrezioni ci sarebbero state le orge in questione. La notizia, diffusa il giorno di Natale, è rimasta per giorni nei titoli dei tabloid scandalistici. Ma da stamane non e' più solo gossip mediatico ma una vicenda giudiziaria, visto che sia la Polizia belga, sia le autorità militari, hanno deciso di aprire formalmente due inchieste interne sull'accaduto. E oggi sono partiti gli interrogatori. "Sappiamo che i militari hanno effettivamente dormito in commissariato per 15 giorni - ha spiegato un portavoce della Polizia - e che un piano è stato adibito a dormitorio. Ci risulta una festa organizzata dagli agenti per salutare e ringraziare questi militari che è finita a notte fonda. Ora dobbiamo indagare".


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA