Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Musica: Waters, The Endless River? Non lo ascolterò

Musica: Waters, The Endless River? Non lo ascolterò

Fondatore 'Pink Floyd' a Bruxelles dedica inedito a strage Gaza

29 settembre, 15:17
Roger Waters in concerto Roger Waters in concerto

BRUXELLES - "The Endless River? Non lo ascolterò. Non ho più niente a che fare con loro". Roger Waters, fondatore e leader indiscusso dei 'Pink Floyd', replica infastidito al cronista che gli chiede un giudizio sul nuovo album, in uscita a novembre, opera di quello che è rimasto della sua storica band. Completo grigio, cravatta scura allentata su una camicia celeste, capelli brizzolati, ma ancora lunghi, l'autore di capolavori assoluti, da The Wall a Wish Were Here a The Dark Side of The Moon, è a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, per offrire il suo appoggio alla causa palestinese, in qualità di 'giurato' del Tribunale Russell.

 

E proprio dedicato alla strage di Gaza presenta, voce e chitarra, alla sala dedicata a Renzo Imbeni dell'Eurocamera, in anteprima un suo pezzo inedito. Che racconta così: "Dopo queste storie toccanti - spiega con la voce roca ma ancora inconfondibile - vi propongo una nuova canzone che sarà nel mio prossimo disco: parla di un nonno e un nipotino. Il bambino racconta al nonno di avere avuto un incubo, un brutto sogno in cui bimbi come lui venivano uccisi. Il vecchio però cerca di calmarlo:'non è morto nessun bambino'. 'Qui no, replica il nipotino, ma da un'altra parte si'".


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA