Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Ok Pe a nuovo sistema controllo frontiere in Mediterraneo

Ok Pe a nuovo sistema controllo frontiere in Mediterraneo

Eurosur contribuirà a evitare nuove tragedie come Lampedusa

10 ottobre, 15:30
(ANSA) - STRASBURGO, 10 OTT - Dal prossimo 2 dicembre può partire Eurosur, il sistema di coordinamento europeo di sorveglianza della frontiera esterna sul Mediterraneo che contribuirà a evitare il ripetersi di tragedie come quella di Lampedusa. La plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo ha approvato con 479 sì, 101 no, 20 astenuti le regole di funzionamento della rete che coordina tutti i mezzi (immagini satellitari, dati radar, avvistamenti, ecc.) dei diversi paesi membri per combattere l'immigrazione clandestina. La rete di comunicazione Eurosur - progettata per migliorare l'individuazione, la prevenzione e la lotta contro l'immigrazione clandestina e la criminalità transfrontaliera - è "parte degli sforzi che devono essere fatti dall'Ue per prevenire nuove tragedie", ha detto la commissaria per gli affari interni Cecilia Malmstrom. "Solo con un sistema pan-europeo di sorveglianza delle frontiere - ha affermato il relatore il lib-dem olandese Jan Mulder - siamo in grado di evitare che il Mediterraneo diventi un cimitero per i rifugiati che cercano di attraversarlo su carrette del mare". Gli utenti di Eurosur dovranno proteggere i diritti fondamentali dell'Ue, tra cui la protezione dei dati personali.

Qualsiasi scambio di dati personali tra gli Stati membri dell'Unione europea o con paesi terzi tramite Eurosur deve rimanere un'eccezione e rispettare la legislazione sulla protezione dei dati. Inoltre Eurosur non dovrà essere utilizzata per inviare a paesi terzi informazioni che potrebbero essere utilizzata per identificare una persona che ha richiesto la protezione internazionale o la cui vita o l'integrità fisica potrebbe essere a rischio.

In Italia e altri 17 paesi della frontiera sud e orientale (Bulgaria, Estonia, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia e Finlandia) Eurosur sarà attivo già dal 2 dicembre prossimo. Negli altri paesi sarà attivato dal primo dicembre 2014. "Con l'approvazione del Sistema Europeo di Sorveglianza delle Frontiere, il Parlamento stabilisce finalmente nuove regole per contrastare più efficacemente l'immigrazione irregolare e la criminalità transfrontaliera. Il nuovo sistema aiuterà a scongiurare tragedie inaccettabili per la nostra coscienza morale e civile, come il dramma di Lampedusa dove centinaia di immigrati hanno perso la vita", ha osservato il relatore per il gruppo Ppe Marco Scurria (Fratelli d'Italia). Soddisfazione per il via libera a Eurosur è stata espressa anche dalla vicepresidente del Pe, Roberta Angelilli (Pdl).

"Grazie ad uno scambio più tempestivo ed efficace di informazioni tra le autorità degli Stati membri e Frontex sarà possibile anche intervenire in caso di emergenze umanitarie".(ANSA).


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA