Percorso:ANSA > Europa > Pronto il bando per ampliare il porto di Sciacca

Pronto il bando per ampliare il porto di Sciacca

Progetto da 6 milioni finanziato dal PO del Fondo Ue sviluppo regionale

31 gennaio, 11:02
Veduta del porto di Sciacca - fonte: Wiki commons Veduta del porto di Sciacca - fonte: Wiki commons

PALERMO - È partito l'iter per l'approvazione del bando che riguarda il potenziamento del porto di Sciacca (Agrigento). La pubblicazione della gara d'appalto è prevista per metà febbraio. I lavori consisteranno nella realizzazione del tratto terminale della banchina di riva nord, compresi i piazzali retrostanti e le opere d'alaggio. Il progetto è finanziato dal Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) Sicilia 2014-2020, con 6 milioni di euro destinati al completamento del porto, i cui lavori di ammodernamento erano già stati avviati con altri programmi di spesa nell'ambito della politica regionale unitaria per i trasporti e la mobilità, come scrive Euroinfosicilia. L'opera rientra in un'ottica di consolidamento delle infrastrutture portuali e interportuali di interesse regionale, inclusi l'adeguamento a migliori standard ambientali, energetici e operativi. La gara sarà espletata interamente in modalità telematica dall'UREGA (Ufficio Regionale Espletamento Gare Appalto) del Servizio territoriale di Agrigento. Il bando avrà una procedura aperta con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, determinata da una commissione giudicatrice con il metodo aggregato compensativo.

L'intervento prevede il completamento della banchina riva nord del porto di Sciacca, a partire dall'esistente banchina San Pietro fino alla radice del molo di ponente, inclusa la realizzazione di opere di alaggio e dei piazzali posteriori, occupando un'area di cantiere di 6 mila metri quadri in via Gaie di Garaffe e di 1.200 mq nella banchina di ponente. Il progetto esecutivo è stato approvato dal Dipartimento Infrastrutture, Mobilità e Trasporti della Regione Siciliana.

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA