Montagna: in Veneto risorse europee per Altopiano di Asiago e Comelico

Caner, bandi per investimenti che ridanno competitività all'area

Redazione ANSA

VENEZIA - Due nuovi bandi vengono lanciati dalla Regione Veneto per risorse che consentiranno investimenti nel turismo per le piccole e medie imprese dell'Altopiano di Asiago e del Comelico. L'assessore al turismo Federico Caner lo aveva già annunciato a luglio, presentando l'ultima iniziativa del POR FESR (Piano operativo regionale relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale) per l'erogazione di contributi finalizzati a investimenti innovativi alle pmi di montagna, e spiegando che a breve ciò sarebbe avvenuto anche per Asiago e Comelico. Così oggi, infatti, la Giunta ha dato il via libera alla pubblicazione dei bandi che interessano l'Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni (Asiago, Conco, Enego, Foza, Gallio, Lusiana, Roana, Rotzo, in provincia di Vicenza), mentre a ottobre saranno pienamente operativi quelli riservati all'Unione Montana Comelico (Belluno).

"Tutto secondo le previsioni - sottolinea Caner - e nel rispetto della strategia per le Aree Interne a cui questi territori appartengono, cioè l'iniziativa di sviluppo locale innovativa che si attua anche attraverso una riserva di fondi comunitari del POR-FESR 2014-2020. Due i bandi approvati oggi per l'Altopiano dei Sette Comuni: uno eroga contributi per lo sviluppo e il consolidamento di reti di imprese e di club di prodotto nel settore turistico, l'altro per investimenti innovativi nel settore ricettivo.

La Regione stanzia complessivamente 1,5 milioni di euro del FESR, con l'obiettivo di accrescere la competitività dell'offerta, attraverso il concreto sostegno agli imprenditori del settore disposti ad ammodernare le proprie strutture e a potenziare i servizi rivolti agli ospiti".

La strategia elaborata per l'Altopiano punta a un turismo rispettoso dell'ambiente, che valorizzi il paesaggio e l'identità locale, attraverso due ordini di interventi, corrispondenti ad altrettanti bandi:

- incentivando la messa in rete delle strutture ricettive che attualmente risultano frammentate, promuovendo nuove modalità di gestione integrata dell'offerta turistica, come la creazione di uno o più club di prodotto orientati ai segmenti sportivi e outdoor, del turismo accessibile e del turismo slow&green (finanziamento con fondi FESR per 500 mila euro);

- contribuendo al riposizionamento delle imprese e della destinazione, migliorando l'accoglienza turistica nel territorio, partendo dalle strutture ricettive, alla loro riqualificazione e ammodernamento, puntando all'innovazione, alla sostenibilità e all'accessibilità (finanziamento con fondi FESR per 1 milione di euro).

Copia integrale dei bandi sarà presto pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto e sul sito istituzionale.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."