Clima, Mula di Muggia (FVG) sito pilota nell'Adriatico

Assessore Scoccimarro, grazie a progetto Interreg Italia-Croazia

Redazione ANSA GRADO

GRADO - "Il Friuli Venezia Giulia si pone all'avanguardia nell'analisi e nel contrasto ai cambiamenti climatici. In quest'ambito, grazie al progetto europeo 'Change we care', il banco della Mula di Muggia è uno dei cinque siti pilota dell'Adriatico che contribuiranno a traguardare delle strategie comuni di adattamento al cambiamento climatico". L'assessore all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Fabio Scoccimarro, è così intervenuto ieri a Grado all'Infoday dedicato ai cambiamenti climatici nelle aree transfrontaliere della costa Adriatica, inserito nel programma del progetto Interreg Italia Croazia Change we care.

"Il Friuli Venezia Giulia è impegnato, anche attraverso questo progetto, ad adeguarsi alle direttive internazionali per la protezione e lo sviluppo sostenibile delle aree costiere del Mediterraneo fin dalla adesione della Regione alla Carta di Bologna" ha ricordato Scoccimarro. "L'impegno della Regione - ha rilevato ancora l'assessore - guarda al futuro anche con l'ambizione di farsi promotore di un nuovo accordo interregionale mitteleuropeo che porti in tempi brevi alla sottoscrizione di una "Carta di Trieste" che detti le azioni da perseguire in tema ambientale da qui al 2050".

Del valore complessivo di 2,7 milioni di euro, il progetto - che si concluderà nel giugno 2021 - intende analizzare i rischi nelle aree costiere e di transizione contribuendo a una migliore comprensione dell'impatto dei cambiamenti climatici sui regimi idrici, intrusione salina, turismo, biodiversità ed ecosistemi agricoli che interessano l'area di cooperazione. L'obiettivo principale, informa una nota, è trasferire dei modelli di analisi dai cinque siti pilota ad altri sistemi con problemi simili, per pianificare azioni comuni e integrate.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."