2,5 milioni di euro per impianti 'green' nel Senese

Lo ricordano due consiglieri regionali Pd: previsto da bando con fondi Ue per edifici pubblici

Redazione ANSA FIRENZE

FIRENZE - Un plafond di oltre 2,5 milioni per i progetti di efficientamento energetico di scuole e ospedali in provincia di Siena. Lo prevede la graduatoria del bando dedicata a progetti 'green' di edifici pubblici, approvata nei giorni scorsi dalla Regione, finanziati nell'ambito delle azioni previste dalla programmazione dei fondi comunitari del Piano operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-20. Lo ricordano i consiglieri regionale senesi del Pd Simone Bezzini e Stefano Scaramelli.

Fra i progetti che riceveranno il contributo regionale ce ne sono sei che riguardano la provincia di Siena: dal Comune di Trequanda, per la scuola di Petroio, all'ospedale le Scotte di Siena per la realizzazione di un cogeneratore. "Il bando per l'efficientamento energetico degli edifici pubblici - spiegano Bezzini e Scaramelli in una nota - è teso a sostenere interventi per aumentare l'efficienza energetica degli immobili di enti locali, Asl e Aou. La strada imboccata è quella giusta: bisogna continuare ad aiutare Comuni ed aziende sanitarie a rendere più sicure e sostenibili le strutture accompagnando la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori".

Per Bezzini e Scaramelli, "gli interventi finanziati dal bando riguardano infatti investimenti per l'isolamento termico di strutture orizzontali e verticali, la sostituzione di serramenti e infissi, la sostituzione di impianti di climatizzazione con impianti alimentati da caldaie a gas a condensazione o impianti alimentati da pompe di calore ad alta efficienza, oltre a sistemi intelligenti di automazione e controllo per l'illuminazione e la climatizzazione interna e impianti di cogenerazione ad alto rendimento".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."