Brexit: primo ok Eurocamera a conclusione accordo recesso

Via libera da commissione affari costituzionali, ora va in aula

Redazione ANSA

BRUXELLES - Primo via libera dell'Europarlamento alla conclusione dell'accordo sul recesso del Regno Unito dall'Ue. La commissione affari costituzionali (Afco) del Parlamento europeo ha licenziato il testo sulla Brexit che adesso è atteso in aula per il voto definitivo da parte della Plenaria nella giornata di mercoledì 29 gennaio a Bruxelles.

La commissione per gli affari costituzionali ha concordato oggi di raccomandare alla plenaria del Parlamento europeo di approvare le condizioni di recesso del Regno Unito dall'Unione europea e dalla Comunità europea dell'energia atomica. Dopo che la ratifica parlamentare nel Regno Unito è stata conclusa oggi con il Royal Assent al testo dello European Union Withdrawal Agreement Act, gli eurodeputati della commissione hanno votato a favore di un progetto di raccomandazione positiva relativa all'accordo di recesso Ue-Regno Unito, con 23 voti a favore, 3 contrari e zero astensioni.

Il ritiro del Regno Unito dall'Ue è fissato per la mezzanotte (orario Europa centrale, CET) del 31 gennaio 2020, precisa una nota. Il Parlamento Ue voterà l'accordo mercoledì 29 gennaio prossimo. Per entrare in vigore, qualsiasi accordo di recesso tra l'Ue e il Regno Unito deve essere approvato dal Parlamento europeo a maggioranza semplice dei voti espressi (articolo 50, paragrafo 2, del trattato sull'Unione europea). Il Consiglio concluderà quindi il processo da parte dell'Ue con un voto a maggioranza qualificata, previsto per il 30 gennaio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie