L'Eurocamera inaugura il 'Cammino della libertà' a Bruxelles

Sassoli rende omaggio ai vincitori del premio Sakharov

Redazione ANSA

BRUXELLES - Rendere omaggio ai vincitori del premio Premio Sakharov per la libertà di pensiero, istituito nel 1988 dal Parlamento europeo. È lo scopo del 'Cammino della libertà', inaugurato oggi davanti all'Eurocamera a Bruxelles. D'ora in poi le targhe dei vincitori del premio, tra cui figura anche il simbolo della lotta contro l'apartheid in Sudafrica Nelson Mandela, arricchiranno il 'percorso' di chi attraversa l'Esplanade per recarsi al Parlamento Ue. Presente a Bruxelles, per l'occasione, anche il rappresentante dell'opposizione democratica in Venezuela Lorent Saleh, che ha ricevuto il premio nel 2017.

Nel corso dell'inaugurazione, che si è tenuta simbolicamente nella Giornata mondiale dei diritti umani, il presidente del Parlamento Ue David Sassoli ha ricordato che "viviamo oggi in un'epoca in cui la libertà è sempre più sotto attacco e i diritti vengono messi in discussione. Come diceva lo stesso Andrej Sacharov, la pace, il progresso e i diritti umani - ha sottolineato il presidente dell'Eurocamera - sono indissolubilmente legati tra loro. È impossibile realizzare uno di questi obiettivi ignorando gli altri due. Difendere i diritti umani - ha ricordato - significa proteggere proprio le fondamenta su cui è stata costruita l'Unione europea, nonché uno dei suoi obiettivi principali: la pace".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."