Commissario Ungheria Varhelyi passa test a Eurocamera

Verso il voto sulla Commissione il 27/11 a Strasburgo

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il commissario ungherese designato all'Allargamento, Oliver Varhelyi, è stato promosso nel suo nuovo 'esame' al Parlamento europeo. E' stato sostenuto dal gruppo dei Socialisti e democratici (S&D) e dai Liberali di Renew Europe, oltre che dal Ppe. 

"Non sarò vincolato né influenzato da alcuna dichiarazione o posizione di alcun Primo Ministro di qualsivoglia paese o rappresentante di alcun governo". E' quanto ha scritto il candidato commissario proposto dall'Ungheria all'Allargamento, Oliver Varhelyi, nelle risposte ai quesiti dei membri della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo, che in questo modo gli chiedevano una presa di distanza dalle politiche sovraniste del premier magiaro Viktor Orban. Varhelyi ha aggiunto che in qualità di Commissario, il suo "unico obiettivo è attuare le priorità politiche dell'Ue verso tutti i partner dell'allargamento e del vicinato, elaborare e attuare politiche nei Balcani occidentali e nel vicinato orientale e meridionale, sotto la guida dell'Alto rappresentante Ue e in piena collegialità in un vero e proprio spirito europeo". 

Secondo Varhelyi "i commissari devono promuovere l'interesse generale dell'Ue nel suo insieme, assicurare l'applicazione della legge dell'Ue" e "sono completamente indipendenti da qualsiasi governo o altra istituzione". L'ungherese precisa inoltre che "i commissari non sono rappresentanti di alcun governo o Stato membro" e "non sono responsabili nei confronti del governo del proprio Stato membro", ma "sono responsabili nei confronti del presidente della Commissione e del Parlamento Ue".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."