Musica: Mahmood porta la sua voce al Parlamento europeo

'Il cantante ricevuto dal presidente dell'Eurocamera Sassoli

Redazione ANSA

STRASBURGO - Mahmood, vincitore dell'edizione 2019 del Festival di San Remo e secondo classificato all'Eurovision di Tel Aviv, approda con la sua musica al Parlamento europeo. "Spero di rappresentare, nel mio piccolo, giovani come me che vogliono metterci la faccia e interessarsi a problemi politici, come quello del clima, che mi sta molto a cuore", ha raccontato ai giornalisti nella sua visita oggi pomeriggio a Strasburgo dove questa sera si esibirà all'interno dell'evento Friends of Music. Il cantante si è concesso a selfie con alcuni eurodeputati oltre che ai fan incontrati lungo i corridoi dell'Eurocamera. "Sono molto felice di essere qui oggi a dare un piccolo contributo. Non so se qualche cantante italiano della mia età sia mai venuto qui a dare un contributo al Parlamento", ha precisato", mentre ai giovani che come lui vogliono fare musica e farsi una strada in questo mondo artistico ha consigliato di "non porsi mai dei limiti. Perché negli anni precedenti io me ne sono posti parecchi". Domani inizia il suo tour estero. "Spero di tornare fra due settimane a casa mia con un bagaglio culturale bello gonfio", ha poi aggiunto precisando che "i giovani che lo hanno scelto non l'hanno fatto per la sua origine, "ma per la musica che faccio, perché nelle canzoni che scrivo ci metto tutto me stesso e racconto il mio punto di vista con il mio stile". "Credo che chi ama la musica prima si interessa del lato artistico e credo che il lato personale, delle origine ecc..., venga in maniera secondaria", ha poi concluso.

Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha ricevuto oggi pomeriggio a Strasburgo il cantante Mahmood. "Abbiamo parlato dell'importanza del copyright. Adesso la direttiva europea che difende il diritto d'autore, che è un diritto fondamentale di ogni persona, deve essere implementata dai Parlamenti nazionali", ha detto Sassoli. "Molti dicono di sì, altri dicono di no, eppure stiamo parlando della difesa di un diritto. Ecco è molto importante che ci siano artisti, persone che possono comunicare questo messaggio, che l'Europa è dei cittadini e che i cittadini sono il cuore di questa costruzione", ha proseguito il presidente del Pe. Secondo Sassoli "la politica può fare un sacco di cose, anche molto belle, ma non può farle senza i cittadini, ecco perché abbiamo bisogno anche degli artisti e di giovani cantanti come Mahmood". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."