Von der Leyen, incontro costruttivo e positivo al Parlamento Ue

Importante buona sintonia e relazioni di lavoro con Eurocamera

Redazione ANSA

STRASBURGO - "E' stato un incontro costruttivo e positivo quello alla conferenza dei presidenti" al parlamento Ue. Così la presidente designata della Commissione europea Ursula von der Leyen all'uscita dall'incontro. "Mi ha dato molto sostegno e fiducia per i prossimi giorni e settimane, perché è molto importante avere una buona sintonia e buone relazioni di lavoro con il Parlamento. Ci siamo concentrati insieme sui principali temi che dobbiamo portare avanti" come "l'agenda verde, la digitalizzazione e per avere un ruolo più forte dell'Europa nel mondo".

"Con von der Leyen abbiamo parlato del contenuto dei portafogli" assegnati ai commissari e "le ho suggerito di chiarire meglio i contenuti dei portafogli rispetto alle commissioni parlamentari, ma abbiamo anche discusso delle loro denominazioni e lei ha promesso di fare alcuni aggiustamenti". Lo afferma Dacian Ciolos, capodelegazione del gruppo Renew Europe al Parlamento Ue, precisando che tali aggiustamenti "andrebbero fatti prima delle audizioni". Sul portafoglio a Schinas "non mi ha convinto", ha precisato.

"E' stata un'amichevole discussione quella avuta con Ursula von der Leyen. Lei ha presentato il suo organigramma e noi le abbiamo fatto molte domande sui portafogli, su quello sullo stile di vita europeo e anche su altri". Così la co-presidente del gruppo dei Verdi europei Ska Keller. "Lei ha mostrato di essere disposta a cambiare e a fare degli aggiustamenti se necessario, anche se non lo ha fatto ancora e non ha ancora proposto quali cambiamenti fare, ma si è detta aperta a farlo", ha aggiunto.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."