Brexit: Johnson chiama Sassoli e lo invita a Londra

Prima conversazione fra i due

Redazione ANSA

STRASBURGO - Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha ricevuto oggi una telefonata ed un invito a recarsi a Londra da parte del premier britannico Boris Johnson. Lo ha reso noto l'ufficio stampa dell'Eurocamera precisando che quella odierna è stata la prima conversazione tra i due leader. Johnson ha invitato Sassoli a incontrarsi di persona a Londra e ha sottolineato l'importanza del Parlamento europeo nel processo della Brexit, esprimendo poi il desiderio di trovare un accordo positivo sulla partenza del Regno Unito dall'Ue. Sassoli ha risposto che questo era anche il desiderio dei 27.

La telefonata ha fatto seguito all'approvazione di una nuova risoluzione sulla Brexit oggi da parte di Strasburgo che ha ribadito il sostegno del Parlamento Ue ad una Brexit ordinata. Sassoli ha sottolineato che le priorità del Parlamento rimangono la garanzia dei diritti dei cittadini e la protezione del processo di pace nell'Irlanda del Nord, ribadendo che qualsiasi accordo dovrà essere approvato sia dal Regno Unito che dal Pe. 

Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha accettato l'invito a recarsi a Londra fattogli da parte del premier britannico Boris Johnson nel corso di una telefonata. Sassoli, con tutta probabilità, si recherà nella capitale britannica nella seconda settimana di ottobre. E' quanto si apprende a Strasburgo. 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."