Ue: M5S, difficile che commissario leghista superi test voto

A causa del voltafaccia a Strasburgo. Ma spetta a loro proposta

Redazione ANSA

STRASBURGO - "Dopo il loro voltafaccia sarà molto difficile che un leghista superi il test del voto al Parlamento Europeo": lo ha detto la capo delegazione del M5S a Strasburgo Tiziana Beghin parlando del commissario italiano. Tuttavia, ha sottolineato Beghin, avendo vinto le elezioni europee, è la Lega che deve suggerire i due nomi dai quali verrà scelto il commissario italiano: "Quindi scelgano una personalità competente e di spessore perché noi non accetteremo mai figuracce internazionali al nostro Paese".

"Per noi - afferma Beghin - i patti sono patti. Da Ursula Von der Leyen ci aspettiamo la conferma di quanto ottenuto dal nostro presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Bruxelles: Vicepresidenza e portafoglio economico di peso. Le polemiche interne di questi giorni non devono assolutamente incidere sulle assegnazioni già stabilite per quanto riguarda l'Italia". "La Lega - prosegue la capogruppo pentastellata a Strasburgo - ha vinto le elezioni europee e loro devono suggerire la rosa dei due nomi dai quali poi si sceglierà il futuro Commissario italiano. Ma una cosa deve essere chiara - precisa -, dopo il loro voltafaccia sarà molto difficile che un leghista superi il test del voto di commissione al Parlamento europeo. Quindi scelgano una personalità competente e di spessore perché noi non accetteremo mai figuracce internazionali per il nostro Paese che, finalmente, grazie a Conte ha una fiducia forte da parte di tutti i leader europei".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."