Paesi Visegrad non sosterranno Weber alla Commissione

Sostegno alla posizione di Orban

Redazione ANSA BUDAPEST

BUDAPEST - I quattro Paesi di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) non appoggeranno Manfred Weber per la posizione di presidente della Commissione europea: viene accolta così la posizione di Viktor Orban, premier ungherese e leader di Fidesz, partito sospeso dal Ppe. La decisione è stata assunta in un incontro informale tenutosi ieri a Budapest. L'incontro, promosso dal premier ceco Andrej Babis, si è svolto nell'ufficio del premier ungherese Viktor Orban, al Castello di Buda, con la partecipazione di Peter Pellegrini (Slovacchia) e Mateusz Morawiecki (Polonia).

Secondo il giornale Nepszava, i quattro si sono accordati per appoggiare Maros Sefcovic, commissario slovacco, per la posizione di Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri, e il polacco Krzysztof Szczerski, capo di gabinetto del presidente polacco, appartenente al partito di governo Pis.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."