Europee: gruppo Ong protesta contro nuove regole Facebook

'Vanno contro a diritti e libertà fondamentali Unione'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Una coalizione di quindici Ong europee ha protestato per le "conseguenze non volute" delle nuove regole di trasparenza introdotte da Facebook in vista delle elezioni Ue che infrangerebbero "i diritti e le libertà fondamentali dell'Unione". Dopo aver inviato una lettera alla Commissione europea, il gruppo di associazioni guidato dalla Ong 'The Good Lobby', fondata da Alberto Alemanno, ha scritto a Mark Zuckerberg e al responsabile degli affari globali della compagnia, Nick Clegg, per chiedere di approvare i contenuti sponsorizzati di alcune Ong che sarebbero stati bloccati da Facebook in virtù delle nuove norme. "Vietando di fatto le campagne pan-europee - si legge nella missiva - le nuove regole colpiscono non solo i partiti politici dell'Ue, ma anche centinaia di organizzazioni no profit". La lettera denuncia infatti che a "organizzazioni come le nostre", cioè associazioni non a scopo di lucro, è impedito "di usare Facebook, Messenger e Instagram per le campagne di comunicazione sponsorizzate a livello Ue, il cui scopo è solo di incoraggiare i cittadini europei a votare".

In base alle nuove regole, chi intende pubblicare "inserzioni su contenuti di natura politica o temi di interesse pubblico" in uno Stato membro dell'Ue, deve prima completare un processo di autorizzazione. L'inserzionista potrà pubblicare annunci solo nel Paese per il quale ha ottenuto il via libera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."