Europee: Facebook e Twitter con l'Ue per lotta alle fake news

Commissario Gabriel, 'vogliamo risultati' entro dicembre

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Una "serie di azioni" per contrastare le fake news in vista delle elezioni europee: è quanto contengono i "piani individuali" presentati oggi a Bruxelles dalle piattaforme digitali che hanno aderito al codice di condotta per la trasparenza su web, tra cui Google, Facebook, Mozilla e Twitter. Ad annunciarlo il commissario Ue all'Economia digitale, Mariya Gabriel: "Non è che l'inizio, ora parte la fase di attuazione del codice", ha avvertito Gabriel, che "dovrà contribuire a una riduzione rapida e misurabile alla disinformazione online". Le piattaforme si impegnano anche a intensificare la cooperazione con i fact-checkers.

La Commissione farà il punto sull'efficacia delle misure intraprese entro la fine dell'anno. "Faremo una valutazione a dicembre. Vogliamo vedere dei risultati tangibili e misurabili - ha spiegato il commissario Ue - che aiutino a ridurre l'impatto negativo della disinformazione online sulla nostra democrazia, sui nostri valori, sulla fiducia dei cittadini". La Commissione non esclude di mettere sul tavolo altre proposte in futuro, "anche di natura regolamentare" e cioè non su base volontaria. Ad aderire all'iniziativa anche diverse associazioni del settore della comunicazione e della pubblicità, tra cui l'Associazione europea delle agenzie di comunicazione (Eaca).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."