Eurocamera 'costa meno d'un panino l'anno a europei'

Tweet della rappresentanza italiana Pe smontano 'falsi miti' su spese Assemblea

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Il Parlamento europeo ti costa come un panino: 3,96 euro l'anno": è il primo di una serie di tweet pubblicati questa settimana dalla rappresentanza italiana del Parlamento europeo per smontare i 'falsi miti' che circolano sulle spese dell'Eurocamera. L'iniziativa (#facciamochiarezza #bilancioPE) punta a sgombrare il campo dagli equivoci sui costi dell'Assemblea, calando cifre e percentuali nella realtà con esempi concreti.

Con un budget di 1,999 miliardi e una popolazione comunitaria di circa 504 milioni di abitanti l'Eurocamera costa meno di 4 euro a ogni cittadino europeo. Molto poco: quanto un panino, come quattro caffè, meno della metà del costo medio di una pizza. Togliendo i britannici dal conto in vista della Brexit l'Europarlamento arriverà a costare 60 centesimi di più a testa. I dati propongono anche un parallelo con la Camera dei Deputati - che per il 2018 prevede un bilancio di 1,054 miliardi di euro a lordo delle restituzioni - e che costerà più di 17 euro a ogni contribuente italiano. E anche con i tagli ai costi della politica previsti per il 2019, secondo l'elaborazione della rappresentanza italiana, con una sforbiciata dell'8,43% al budget di Montecitorio, la spesa sarà di gran lunga superiore a quella del Parlamento europeo (quasi 16 euro a testa). Senza contare le spese per il Senato.

 

 

L'Eurocamera è poi l'istituzione che garantisce legittimità democratica all'Unione europea e che può dar voce alle preoccupazioni degli europei, anche tramite la Commissione. Petizioni che sono un vero e proprio ponte tra cittadini e istituzioni. Insomma, si legge in un altro tweet, "col panino che paghi per il Parlamento, finanzi le attività di funzionamento dell'Eurocamera, compresi gli stage pagati per migliaia di giovani da tutta Europa, e hai voce, con i tuoi deputati, sulle decisioni che l'Ue prende in tantissimi settori della tua vita quotidiana". Ma al di là dei costi legati al Parlamento, i soldi del bilancio dell'Unione assorbiti dalle spese amministrative sono solo una piccola quota del totale. Circa il 94% dei fondi a disposizione viene utilizzato per attività reali sul campo negli Stati membri, mentre le spese amministrative rappresentano solo il 6% del totale. Tutte risorse che vanno a sostegno di regioni, agricoltori, studenti e imprese.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."