Percorso:ANSA > Europa > L'abc dell'Europa > La Banca centrale europea

La Banca centrale europea

Attua la politica monetaria nei Paesi dell'Ue che hanno aderito all'euro

Il presidente della Bce Mario Draghi Il presidente della Bce Mario Draghi

La Banca Centrale Europea (Bce) e' l'istituzione incaricata dell'attuazione della politica monetaria nei Paesi dell’Ue che hanno aderito all'euro. Al momento sono 19: Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna.

 

La Bce, istituita il primo giugno 1998, ha sede a Francoforte e ha una propria personalità giuridica autonoma. A capo dell'istituzione si sono succeduti, con il ruolo di governatore, l'olandese Wim Duisenberg fino al novembre 2003 e quindi il francese Jean-Claude Trichet, il cui mandato è scaduto a novembre 2011. A sostituirlo è stato il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi.

 

A seguito della crisi economica e finanziaria, la Bce ha aumentato i suoi poteri, da quelli storici di coordinatore del lavoro delle Banche centrali e di supervisore della politica monetaria (tramite l'indicazione dei tassi di interesse nell'eurozona), fino all'acquisto di titoli di Stato dei paesi a rischio bancarotta.

 

La Banca centrale europea:

 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati